News del giorno

Un medico calabrese, una giovane nordeuropea che prima ha girato altri centri in Spagna e Germania, due donne catanesi che hanno evitato i viaggi fuori regione. Sono alcuni dei pazienti del Gamma Knife dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania. Le loro testimonianze sono state portate nel corso dell’incontro dedicato a questa speciale forma di radiochirurgia. Una “eccellenza siciliana che inverte la migrazione sanitaria”, come attestano le provenienze di pazienti non soltanto siciliani.

All’evento, organizzato a 15 anni dall’installazione del primo Gamma Knife, hanno preso parte tra gli altri il sindaco di Catania Salvo Pogliese e il vicesindaco Enrico Trantino, l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, il prof. Pierfrancesco Veroux in rappresentanza del Rettore Francesco Priolo, primari dell’ospedale e professionisti del mondo sanitario.

Come ha illustrato in apertura il Direttore Generale dell’Azienda Cannizzaro, Salvatore Giuffrida, dall’inizio dell’attività il Gamma Knife ha trattato 1700 pazienti. 300 nell’ultimo anno e mezzo «grazie all’introduzione dell’avanzato modello Icon, primo in un Ospedale pubblico in Italia. Icon riduce l’invasività del trattamento ed estende anche le possibilità di impiego».

Oltre che per tumori cerebrali, malformazioni artero-venose, nevralgia del trigemino ed altri disturbi dell’encefalo, infatti, il Gamma Knife Icon può curare anche patologie funzionali come alcune forme di epilessia o disordini del movimento.

Si tratta di «una delle eccellenze della sanità siciliana. Con un pizzico d’orgoglio, possiamo sottolineare catanese, che bisogna essere bravi a valorizzare» ha detto Pogliese complimentandosi con il personale che se ne occupa. «Stiamo portando il sistema sanitario regionale ad essere competitivo con le realtà del Nord del Paese», ha affermato Razza. Evidenziando come «i pazienti siciliani oggi possono trovare non solo i migliori professionisti, ma anche le migliori tecnologie».

A illustrare il percorso del paziente, le modalità del trattamento e il funzionamento della macchina sono stati il dott. Salvatore Cicero, il dott. Francesco Marletta (direttori rispettivamente di Neurochirurgia e di Radioterapia) e il neurochirurgo Francesco Inserra.

Il Gamma Knife permette, mediante radiazioni gamma emesse da sorgenti di cobalto, di irradiare con precisione sub-millimetrica la zona da trattare. Questo senza danneggiare il tessuto sano circostante e, in determinati casi, riducendo notevolmente il rischio di complicanze rispetto all’intervento chirurgico tradizionale.

Anziché soltanto il casco fissato alla testa tramite delle viti extracraniche, necessario per localizzare le zone da trattare ed evitare il movimento del paziente sul lettino della macchina. Il modello Icon (in dotazione al Cannizzaro e in un solo altro centro convenzionato in Italia) consente di utilizzare anche una maschera termoplastica personalizzata. Un sistema di immobilizzazione non invasivo che migliora il comfort del paziente.

Seguici sui nostri Social:

Medical News

La Gamma Knife si conferma eccellenza a Catania della sanità siciliana.

A 15 anni dal suo avvio, la Gamma Knife si conferma eccellenza a Catania della sanità siciliana. Il Gamma Knife dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro ha raggiunto la soglia di 1700 pazienti trattati, di cui 300 nell’ultimo anno e mezzo, provenienti anche da altre Regioni.

Era maggio del 2005 quando lo installarano per dare il via, primo al Sud Italia, a innovative cure per tumori cerebrali, malformazioni artero-venose, nevralgia del trigemino ed altri disturbi dell’encefalo.

A maggio del 2018 la sostituzione con l’avanzato modello Icon, primo in un Ospedale pubblico in Italia. Icon riduce l’invasività del trattamento e amplia le possibilità di impiego anche a patologie funzionali come alcune forme di epilessia o disordini del movimento.

Per questa speciale forma di radiochirurgia, è stato organizzato l’incontro “Il “Gamma Knife” dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania: 15 anni di cure, 1700 pazienti. Traguardi e prospettive di un’eccellenza siciliana che inverte la migrazione sanitaria”, previsto per sabato 18 gennaio, alle ore 10 (nell’aula convegni dell’edificio D).

Interverranno, tra gli altri, il Sindaco di Catania Salvo Pogliese e l’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. Il programma prevede, dopo l’introduzione del Direttore Generale Salvatore Giuffrida, la presentazione da parte del dott. Salvatore Cicero e del dott. Francesco Marletta, direttori rispettivamente di Neurochirurgia e di Radioterapia, Unità Operative che insieme, unitamente alla Fisica Sanitaria, gestiscono l’attività di Gamma Knife. Previsti, quindi, gli interventi del neurochirurgo Francesco Inserra e della fisica Maria Gabriella Sabini, che entreranno nel merito dei trattamenti. Saranno, infine, proposte testimonianze di pazienti curati per varie patologie. Non solo siciliani che hanno potuto evitare di ricorrere a strutture del Nord Italia per ottenere le cure più idonee, ma anche pazienti di altre Regioni del Sud che hanno scelto di rivolgersi all’Ospedale Cannizzaro di Catania.

Seguici sui nostri social:

Medical News

Migliorano le possibilità di trattare in Sicilia tumori cerebrali e altre patologie non oncologiche. L’Azienda Cannizzaro di Catania ha infatti aggiornato la Gamma Knife in dotazione installando, primo ospedale pubblico in Italia, il più recente modello Icon di Elekta, “gold standard” internazionale presente solo in 50 centri al mondo, compresa una struttura privata convenzionata della Lombardia. La tecnologia Gamma Knife è una forma speciale di radioterapia che utilizza un sistema multisorgente per somministrare raggi gamma con estrema precisione e consente così di colpire, con un’elevata dose di radiazioni, lesioni cerebrali di dimensioni ridotte, tumorali e non, in alternativa in determinati casi all’intervento chirurgico. L’ultima evoluzione è rappresentata dal modello Icon, che permette di utilizzare, oltre al casco di Leksell, anche una maschera termoplastica che rende la terapia meno invasiva, amplia le possibilità di trattamento, grazie al sistema Cone Beam Ct integrato e all’Adaptive Dose Control, e consente di eseguire trattamenti in più sedute. La nuova Gamma Knife dell’ospedale Cannizzaro di Catania è stata inaugurata oggi.