Medical News

Dal 5 luglio è attivo presso l’Infermeria del Comando Regionale Liguria della Guardia di Finanza – nella Caserma “San Giorgio” di Genova – un punto di prenotazione CUP Web dedicato ai militari del Corpo.
Asl 3 e Guardia di Finanza hanno infatti siglato una convenzione triennale per la gestione del servizio tramite il quale poter accedere all’offerta sanitaria messa a disposizione dal CUP regionale. L’attività di prenotazione (senza funzioni di cassa) sarà svolta da personale del Reparto Tecnico Logistico e Amministrativo Liguria, nell’ambito del quale viene gestito il Polo sanitario della Guardia di Finanza di Genova (piazza Cavour 1). Il personale debitamente formato sugli aspetti tecnici da ASL3 – in collaborazione con Liguria Digitale – verrà supportato all’occorrenza dal personale sanitario afferente al Polo, che fornisce prestazioni specialistiche per il Corpo.
L’iniziativa è stata presentata questa mattina presso la Sala Trasparenza del Palazzo della Regione Liguria, alla presenza della vicepresidente e assessore alla Sanità della Regione Liguria, Sonia Viale, del Comandante Regionale Liguria della Guardia di Finanza, Generale di Brigata Francesco Mattana, e del Direttore Generale ASL 3, Luigi Carlo Bottaro.
“Grazie a questa convenzione – afferma l’assessore Sonia Viale – Asl3 mette a disposizione dei militari della Guardia di Finanza un servizio analogo a quello già attivato presso gli studi dei medici di medicina generale, grazie all’accordo stipulato con Regione Liguria. Sono dunque soddisfatta di questa collaborazione”.
Il Generale di Brigata Francesco Mattana, ha sottolineato come “l’accordo, ideato in un contesto di sinergie tra la Guardia di Finanza e i diversi Enti del territorio, si inserisca nel quadro delle iniziative per favorire le migliori condizioni lavorative del personale in forza ai Reparti liguri e per agevolare l’accesso al servizio sanitario da parte dei militari del Corpo, in servizio ed in congedo, nonché dei rispettivi familiari”.
“Questa iniziativa – spiega Luigi Carlo Bottaro, Direttore Generale di ASL3 – va a consolidare gli ottimi rapporti già esistenti tra Regione Liguria e Guardia di Finanza e si inserisce nell’ottica della condivisione e facilitazione di accesso alla rete, rappresentando un elemento “apripista” per eventuali collaborazioni future anche con altri soggetti. Si tratta di una formula – aggiunge Bottaro – che indirettamente contribuisce ad alleggerire le attività svolte presso gli sportelli territoriali”.

Medical News

Paziente guida comitato: con nuovo centro rivincita vita

“Avevo una vita, bella o brutta era comunque la mia vita. Un giorno, avevo 27 anni, comincia a farmi male un ginocchio: qualcosa di sconosciuto ha iniziato a portarmela via, pezzettino per pezzettino fino a non lasciarmi quasi più niente se non un ultimo sogno, forse il più grande e non solo per me”. Deborah Capanna, 43 anni, genovese, ex impiegata di un’agenzia marittima, paziente e presidente del comitato ‘Malati Invisibili’ non nasconde l’emozione annunciando il primo corso per avviare una rete di assistenza per i malati orfani di diagnosi, come lei, con punto di riferimento all’ospedale San Martino di Genova. “Questo sogno negli anni è diventato un progetto e oggi è una realtà: a Genova si realizza il primo centro clinico in Italia per i malati orfani di diagnosi”. Ci sarà un locale per il comitato, al San Martino, ma soprattutto viene avviato un percorso multidisciplinare che coinvolge medici di famiglia ed equipe di esperti in malattie rare per prendere in carico i malati orfani di diagnosi.
“Anni di porte sbattute in faccia, di umiliazioni, di lotta alla burocrazia, di falsi benefattori non mi hanno mai fatto perdere la speranza – ha detto Capanna -. Il lavoro continuo di sensibilizzazione del Comitato ha dato frutti. E’ iniziato tutto da un gruppo Facebook, dopo anni di terapie e diagnosi sbagliate, di trattamenti con farmaci immunodepressori e chemioterapici che sono stati anche negativi perché non ho potuto avere figli. Ero distrutta, nel 2011 ho creato un gruppo Fb per malati orfani di diagnosi, ho formato un comitato nel 2014. Ora il corso di formazione avvia il progetto. Abbiamo avviato un rapporto con Giovanni Ucci, dg del San Martino, la Regione ci sostiene. Mattarella ci ha ricevuto in Quirinale per la giornata internazionale sulle malattie rare”, racconta.
“Le malattie non diagnosticate – conclude Capanna – possono includere sia le malattie con una presentazione clinica atipica di una malattia rara diagnosticabile, sia le malattie in cui non è disponibile un test per la diagnosi in quanto la malattia non e ancora stata descritta. Molti vengono inviati a cure psichiatriche, dopo diagnosi e farmaci sbagliati, con conseguenze pesantissime”.

News del giorno

Giovedì 22 settembre, per la prima volta in Italia, persone con sclerosi multipla, medici, infermieri, caregivers e startupper si riuniranno nel TAG di Genova per TechCare, il primo bootcamp per migliorare la vita delle persone con sclerosi multipla, lanciato da Sanofi Genzyme insieme a Talent Garden e AISM. Una giornata intensiva di lavoro collettivo per rispondere a 3 sfide concrete, selezionate tra le centinaia postate da persone con sclerosi multipla sulla piattaforma della campagna europea “The World Vs MS” promossa da Sanofi Genzyme. L’idea più innovativa verrà premiata con una serie di servizi di incubazione al TAG di Genova, un contatto costante con Sanofi Genzyme e la partecipazione alla Maker Faire Rome. A questo link il comunicato stampa con i dettagli. Qui un’immagine sull’iniziativa.
La prima ricerca mondiale sulla sclerosi multipla
La malattia ha un elevato impatto nella vita di tutti i giorni, anche di chi si prende cura delle persone con sclerosi multipla. A rivelarlo è “Vs MS”, la prima ricerca internazionale che ha coinvolto oltre 1.000 persone con SM recidivante (SMR) e circa 600 caregivers in 7 Paesi nel mondo: Stati Uniti, Canada, Francia, Italia, Spagna, Regno Unito, Australia. La ricerca è stata realizzata da Sanofi Genzyme con il contributo e la guida di un comitato scientifico composto dai principali neurologi del mondo. La ricerca sarà presentata giovedì durante il bootcamp. Anticipazioni e dettagli nella scheda scaricabile a questo link che riporta anche dati e informazioni sulla malattia.

Giovedì 22 settembre il bootcamp in diretta web
Il primo bootcamp per migliorare la vita delle persone con sclerosi multipla sarà anche in live streaming sulla Fanpage Sanofi Italia e sul canale YouTube Sanofi Italia. Dalle ore 10 alle 11 e dalle 16 alle 17, dal TAG di Genova la presentazione della prima ricerca mondale sulla SM e gli interventi di chi ha scelto la strada dell’open innovation per creare valore nella salute: la visione di Alessandro Rimassa a capo della scuola di innovazione di TAG, la proposta innovativa di Laura Rossi, dottoranda in tecniche radiologiche e paziente oncologica da un anno e mezzo che dopo la diagnosi di linfoma di Hodgkin ha creato con il dottor Filippo Ballerini dell’Ospedale San Martino di Genova l’app H-Maps per aiutare i pazienti ad orientarsi nel percorso di cura, la storia di Edoardo Schenardi e della sua Farmacia Serra, caso di successo in Italia da quando insieme alla moglie risponde a tutte le domande degli utenti in rete e su Twitter. Dalle ore 16 sempre in diretta i risultati dei lavori della giornata e la scelta del team vincente del bootcamp. A questo link il comunicato stampa con i dettagli.

Medical News

Il nome scientifico è “denervazione renale” ma è conosciuto anche come intervento “brucia arterie”. Stiamo parlando dell’innovativa tecnica chirurgica contro l’ipertensione pediatrica eseguita per la prima volta al mondo all’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova.

L’equipe, coordinata dal neuroradiologo Carlo Gandolfo, ha operato una bambina di sei anni, affetta dalla Sindrome di Turner, con grave ipertensione e già un episodio di ictus.

Il pionieristico intervento è stato oggetto di un articolo sulla rivista Britsh Medical Journal Case Report e ha aperto un dibattito nella comunità scientifica sull’efficacia di questa tecnica chirurgica.

L’intervento, serve a far diminuire la pressione arteriosa quando l’approccio farmacologico si rivela inefficace. E’ mini-invasivo e viene praticato con strumenti millimetrici. L’operazione consiste nel “bruciare” alcuni nervi che connettono i reni dal sistema nervoso centrale causando un calo di pressione.

L’equipe ha dovuto, inoltre, adattare strumenti e procedure, già utilizzate negli adulti, alla piccola paziente.

L’intervento è andato bene. Dopo 3-6 mesi di trattamento i valori della pressione della piccola paziente erano già scesi e si sono normalizzati nel giro di 12 mesi. ”Possiamo confermare – scrivono i medici – che la denervazione renale può essere usata per trattare l’ipertensione grave nei bambini in modo sicuro”.

 

 

Medical News

Dal 15 al 19 Giugno le stazioni di Milano Centrale e Roma Termini ospiteranno la nuova campagna nazionale per la prevenzione del melanoma “Sole per amico”.

L’esposizione ai raggi UV senza adeguata protezione è il principale fattore di rischio per lo sviluppo di un melanoma, una forma tumorale che ogni anno colpisce circa 10.000 Italia e che, per la sua insidiosità, ha un tasso di mortalità molto alto. Infatti, nella maggior parte dei casi si interviene quando la malattia è ormai in fase avanzata.

“Eppure pochi altri tipi di tumore possono essere contrastati altrettanto efficacemente attraverso le attività di prevenzione primaria, basate sulla corretta esposizione al sole, e di prevenzione secondaria, in primis l’autoesame della pelle”, afferma l’oncologa Paola Queirolo dell’IRCCS-AOU San Martino-IST di Genova.

Dopo Milano e Roma, la campagna si sposterà sulle spiagge di Abruzzo, Marche, Veneto e Friuli Venezia Giulia. E’ stato realizzato  un sito informativo dedicato all’iniziativa www.ilsoleperamico.it e uno spot interpretato da Licia Colò.

La campagna è promossa da IMI-Intergruppo Melanoma Italiano, con il patrocinio di Ministero della Salute e Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), e resa possibile grazie ad un’erogazione di Merck & Co., per il tramite della sua consociata italiana MSD.