Medical News

A supporto dei 3,5 milioni di italiani che convivono con il diabete, Johnson & Johnson Diabetes Care Companies Italia presenta l’innovativa App OneTouch Reveal, la soluzione digitale che permette di visualizzare e condividere i propri dati glicemici e le informazioni più importanti

In Italia circa 1 persona su 16 ha il diabete. Un dato che diventa ancor più preoccupante se si considera il numero di cittadini che rischiano di ammalarsi, o che si sono già ammalati pur non sapendolo ancora1. In pratica – oggi – il diabete è presente in ogni famiglia italiana.
A rendere ancora più serio questo scenario sono le proiezioni future: attualmente ci sono oltre 3,5 milioni di italiani con diabete noto e si stima che entro il 2030 si potrà arrivare a oltre 6 milioni1, considerato che ogni anno vengono diagnosticati circa 275 mila nuovi casi1.
Una condizione che minaccia non solo la salute dei cittadini, ma anche quella delle casse dello Stato, se si considera che curare il diabete in Italia costa al Servizio Sanitario Nazionale circa 15 miliardi l’anno. A tal proposito è importante sottolineare che il 90% di questa spesa (fra ricoveri, specialistica e farmaci) è riconducibile alle complicanze che questa malattia può determinare1. Infatti, se mal controllato, il diabete può provocare una serie di complicanze sia acute che croniche a carico di vari organi e apparati, complicanze che – oggigiorno – è possibile prevenire o rallentare nella progressione, seguendo una terapia corretta (stile di vita sano, alimentazione adeguata, farmaci) e monitorando in modo appropriato i livelli di glucosio nel sangue.
Al fine di ridurre sensibilmente questa complessità, Johnson & Johnson Diabetes Care Companies (JJDCC)-Italia – divisione del gruppo Johnson & Johnson Medical S.p.A e uno dei leader mondiali nel settore dell’autocontrollo glicemico – ha lanciato la nuova soluzione digitale OneTouch Reveal per la gestione delle glicemie.
Il sistema è composto dalla App OneTouch Reveal (versione mobile per smartphone/tablet e web) e dallo strumento per la misurazione della glicemia OneTouch Verio Flex. Grazie alla connettività bluetooth, il glucometro viene sincronizzato con la App, creando un processo integrato che elabora i dati glicemici e li archivia, nel cloud dedicato.
In questo modo la persona con diabete ha accesso diretto ai propri risultati, sia sotto forma di grafici a colori con indicazioni di eventuali profili glicemici, bassi o alti, sia con un diario elettronico che può esser arricchito da informazioni su attività fisica, alimentazione o altro.
Inoltre, con pochi passaggi, è possibile condividere via e-mail con il team clinico il proprio profilo, fornendo una visione chiara e complessiva dell’andamento glicemico.
In aggiunta, per rendere ancora più semplice e immediata la comprensione dei valori glicemici, la soluzione utilizza il codice colore per classificare e organizzare tutti i risultati, ovvero la ColourSure technology. Questa tecnologia, messa a punto e registrata da JJDCC, associa il colore blu, verde e rosso ai risultati rispettivamente bassi, nell’intervallo di norma e alti.
L’innovazione della App OneTouch Reveal consiste in alcune caratteristiche che la distinguono e la rendono ancor più vicina alle più recenti tecnologie indossabili e alle modalità di comunicazione digitale. Anzitutto, la visualizzazione grafica dei dati è sotto forma di un cerchio colorato. La persona con diabete è così stimolata a completare il cerchio verde, cercando di mantenere i risultati glicemici nell’intervallo di norma e raggiungendo l’obiettivo di controllo glicometabolico. La disponibilità di brevi informazioni e immagini relative agli aspetti principali della gestione del diabete completano poi la nuova App OneTouch Reveal, offrendo all’utente un’esperienza simile a quella delle più note social networking Apps.
“L’automonitoraggio glicemico domiciliare è, e resta – tutt’oggi – lo strumento più accurato, efficace e accessibile a tutte le persone con diabete per misurare e tenere traccia dell’andamento delle proprie glicemie. Con l’innovativa soluzione digitale OneTouch Reveal® cambiamo il modo di visualizzare e comprendere i risultati glicemici, dando alle persone con diabete un ruolo ancor più attivo nella gestione della malattia” ha dichiarato Gabriele Allegri, amministratore delegato di Johnson & Johnson Diabetes Care Companies Italia – “Questo è solo un primo passo nel coprire le principali esigenze non ancora soddisfatte nella vita delle persone con diabete e di coloro che se ne prendono cura. Restano ancora diversi spazi di intervento per migliorare l’aderenza alle terapie prescritte, spazi che dovranno includere la combinazione di strategie educative, comportamentali, organizzative e comunicazionali.”
La App OneTouch Reveal è da oggi disponibile – in 11 Paesi tra cui Italia, Austria, Belgio, Canada, Francia, Germania, Ingliterra, Irlanda, Portogallo, Spagna e Stati Uniti d’America – sia per i dispositivi iOS che Android ed è possibile scaricarla gratuitamente direttamente sull’Apple Store e sul Google Play.

Medical News

Risposte più appropriate per i cittadini e lavoro in équipe per i professionisti. Può essere sintetizzato così il primo periodo di attività del Servizio di continuità assistenziale (ex guardia medica) di Modena che, dallo scorso marzo, ha una nuova sede all’interno dell’Istituto Charitas in via Panni. Un rilevante miglioramento della qualità dei servizi sanitari per i cittadini testimoniato anche dai numeri: 2.525 le prestazioni erogate nel periodo da marzo a maggio 2016; 3.162 nello stesso intervallo di tempo del 2017, con un incremento delle visite domiciliari da circa 300 a oltre 550 (+80%).

La nuova sede è stata presentata l’ 8 giugno, dal Direttore Generale dell’Azienda USL di Modena Massimo Annicchiarico, dall’Assessore al Welfare e Sanità del Comune di Modena Giuliana Urbelli e da Don Giuliano Gazzetti, Vicario generale dell’Arcidiocesi di Modena e Nonantola. “La nuova sede del Servizio di continuità assistenziale, grazie anche alle attrezzature e tecnologie di cui è dotata, ha consentito un sostanziale miglioramento del servizio –  ha dichiarato Massimo Annicchiarico. I Medici della continuità assistenziale, possono lavorare in equipe, utilizzare nuove postazioni che consentono l’integrazione con i Medici di Medicina Generale, che da subito hanno accolto con grande favore questo cambiamento.”
“La sede unica dell’ex Guardia medica – afferma l’assessora a Welfare, Sanità e Coesione sociale del Comune di Modena Giuliana Urbelli – va letta nell’ambito dell’ampia riorganizzazione delle sedi sanitarie che l’Azienda Usl sta realizzando d’intesa con l’Amministrazione comunale per qualificare i servizi e renderli più vicino ai cittadini. Nella nuova sede, coerente con l’esigenza di omogeneizzare il modello di erogazione in tutta la provincia, contiamo che il Servizio di Continuità assistenziale, tecnologicamente più avanzato, sia ancor meglio rispondente alle esigenze cittadini abbreviando i tempi di risposta. La collocazione nel Charitas si pone inoltre nell’ottica di qualificare edifici pubblici con funzioni socio sanitarie diverse, creando importanti sinergie che speriamo abbiano benefici effetti nel percorso verso la Casa della Salute Sud.”  


A disposizione dei professionisti 6 postazioni per la gestione diretta dei casi con la possibilità di accedere ad una cartella informatizzata dedicata, elemento di garanzia e qualità per il cittadino e per il medico Medicina Generale. La struttura, inoltre, come previsto dalla normativa, ha 4 ambienti per la sosta e il riposo dei medici della continuità assistenziale. Il servizio è attivo nei giorni feriali dalle 20.00 di sera alle 8.00 di mattina, il sabato e i prefestivi dalle 10.00 alle 8.00 del lunedì o giorno successivo al festivo. Invariato il recapito telefonico: 059 375050. L’attività ambulatoriale è assicurata presso l’ambulatorio di continuità assistenziale del Pronto Soccorso del Policlinico in via Campi.