Medical News

Grande successo per la Marcia per lo sviluppo sostenibile che si è svolta domenica scorsa, 14 luglio a Gubbio nell’ambito della manifestazione “Città del Ben…Essere”. La sinergia fra USL Umbria 1, Comune di Gubbio, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI) e Centro Studi Nutrizione Umana ha confermato la sua validità con un format che prevedeva giornate molto particolari per la lotta alla sedentarietà.

Il programma della manifestazione prevedeva sabato 13 luglio una passeggiata nel Centro Storico di Gubbio con visita alle botteghe artigiane per osservare le lavorazioni della ceramica, del cuoio stampato, del ferro battuto e della tessitura, tutti esempi di antichi mestieri espressione dell’ottavo obiettivo dell’agenda Agenda Onu 2030 Lavoro dignitoso e crescita economica”.

Domenica 14 luglio alle ore 8,30, invece, dopo l’accensione della “Fiamma del benessere” benedetta da Papa Francesco, si è svolta la Marcia vera e propria, che si è snodata lungo l’affascinante percorso dell’acquedotto medioevale della città per concludersi con l’esibizione degli Sbandieratori di Gubbio.

Durante la cerimonia, inoltre, sono stati consegnati i premi “Lupo Ammansito” riservati a progetti che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi. In questa edizione sono state premiate: per il quindicesimo obiettivo, La vita sulla Terra, la Fondazione Archeologia Arborea” per la protezione della biodiversità; per il quinto obiettivo, Parità di Genere, l’esperienza di Sartoria Eugubina, espressione di efficace imprenditorialità “al femminile”.  Per il terzo obiettivo, Salute e benessere per tutti, il premio è stato assegnato all’associzione L’Olivo e la Ginestra”, per la lotta alla sedentarietà. Consegnando il premio la dottoressa Erminia Battista, coordinatrice della Rete per la Promozione della Salute, ha evidenziato l’impegno della Usl Umbria 1 nella prevenzione delle malattie croniche degenerative non trasmissibili (malattie cardiovascolari, eccesso ponderale depressione, tumori, ecc…) con l’iniziativa “La Salute che cammina con il Piedibus del Ben Essere”, una strategia di approccio alla comunità che, lavorando in rete con vari stakeholder del territorio, si è rivelata efficace nel contrasto alla sedentarietà, che fa riscontrare valori più bassi (18%) rispetto alla media nazionale (34%). La sinergia con le associazioni è stata quindi sottolineata consegnando il premio all’Associazione

Con piacere possiamo sottolineare che ha funzionato l’alleanza fra istituzioni ed associazioni no profit per promuovere questo concetto di salute globale. Siamo soddisfatti – ha spiegato Guido Monacelli, medico nutrizionista della Usl Umbria 1 e organizzatore delle due giornate – di una partecipazione così numerosa ed attenta di tante persone che hanno già chiesto la data della prossima edizione. Arrivederci al 13-14 giugno 2020!”.

Medical News

Nella mattina del 12 settembre al Centro di Salute di Gubbio si è svolta la cerimonia di donazione di una piattaforma Nintendo Wii Fit con Balance Board, da parte del Lions Club di Gubbio, rappresentato dalla Presidente Nancy Latini e dal presidente uscente Marco Rossi, alla presenza del direttore del Distretto Sanitario Alto Chiascio Matteo Galasso e del personale del servizio di Riabilitazione Adulti di Gubbio.
La donazione del sistema Wii fornisce al servizio di Riabilitazione Adulti del Centro Salute di Gubbio una risorsa aggiuntiva che si affianca agli strumenti già a disposizione dei fisioterapisti. I pazienti impegnati nel processo di guarigione o mantenimento delle abilità residue potranno eseguire esercizi fisici mirati, sotto l’attenta supervisione di un fisioterapista, sfruttando la Balance Board (una pedana che utilizza dei sensori per dare un feedback a schermo di come la persona sposta il peso del suo corpo sulla stessa) al fine di migliorare la stabilità posturale, l’equilibrio, la forza muscolare e le tutte abilità sensoriali connesse alla capacità di interagire con l’ambiente circostante.
I videogiochi, spesso considerati come un passatempo inutile se non dannoso per gli adolescenti, negli ultimi anni si sono rivelati un valido strumento per migliorare la qualità della vita delle persone. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che i sistemi di realtà virtuale basati sui videogame rappresentano un efficace metodo riabilitativo nei pazienti con problematiche di varia natura: dagli anziani fragili a rischio caduta, a malati affetti da patologie neurologiche, fino alla rieducazione del carico in pazienti ortopedici. Ulteriori vantaggi sono inoltre rappresentati dal basso costo, dall’ampia disponibilità e dal divertimento che tali dispositivi generano in chi li utilizza.