Medical News

Nasce “Insieme più belle”, il progetto promosso dall’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE) volto a creare uno spazio settimanale di bellezza e benessere dedicato alle donne. Madrina del progetto, l’oncologa Alessandra Fabi, dell’Oncologia Medica 1 IRE diretta dal Professor Francesco Cognetti, che si avvarrà della collaborazione con l’associazione AMOC Onlus e la truccatrice Valentina MakeUp.

“Insieme più belle” sarà un “angolo di bellezza” all’interno del Day Hospital, adiacente l’atrio principale, dove le pazienti che lo desiderano, possono rivedere il loro aspetto con l’aiuto di makeup artists, alcune anche con esperienza oncologica pregressa. Per sentirsi coccolate e comprese, ed in particolare apprendere piccoli trucchi per contrastare gli eventuali effetti collaterali, estetici, causati dai farmaci oncologici.

“Il prendersi cura di sé e del proprio corpo – sottolinea Marta Branca, Commissario Straordinario – è uno dei temi della centralità della persona che gli IFO cercano di sviluppare a 360° gradi. Riprendiamo con piacere una iniziativa frutto della collaborazione tra donne che hanno superato la malattia, oncologi, specialisti e volontari che operano negli Istituti”.

“Il vedersi belle sempre e “nonostante tutto” è un elemento terapeutico essenziale – evidenzia Alessandra Fabi – in grado di contribuire al recupero del benessere psico-fisico, e della sfera sociale. Sentirsi appagati e soddisfatti per il proprio aspetto è una spinta in più, positiva, che aiuta le donne ad affrontare con maggiore forza l’esperienza della malattia e il percorso terapeutico”.

“Insieme più belle” è uno spazio di condivisione, un “salotto” del benessere dove ci si può confrontare su piccoli e preziosi stratagemmi di bellezza: uniformare il colore della pelle, imperfezioni e depigmentazioni, ridisegnare le sopracciglia che potrebbero essere temporaneamente diradate, imparare a sistemare parrucche e turbanti.
Passo dopo passo si apprendono i “trucchi” svelati dall’esperta truccatrice e si memorizzano prendendo nota su schede tecniche create ad hoc.

Lo spazio di bellezza utilizza prodotti gentilmente offerti da una nota casa di produzione di dermo-cosmetici, tutti rigorosamente anallergici, tollerati dalle pelli più sensibili e testati dai dermatologi del San Gallicano, medici specializzati per le dermatosi di origini oncologiche.

Medical News

l’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma e il Ministero degli esteri hanno siglato un accordo di collaborazione in materia di sicurezza sanitaria degli italiani all’estero.

Le due istituzioni lavoreranno in tandem per migliorare la tutela sanitaria di tutti gli italiani che partiranno per turismo o per andare a vivere all’estero.

I medici dello Spallanzani stanno già collaborando con l’unità di crisi della Farnesina per aggiornare il sito www.viaggiaresicuri.it, con informazioni sulle cosiddette “malattie del viaggiatore”.

Nelle schede dei singoli Paesi l’utente potrà verificare quali siano le patologie endemiche presenti, le eventuali precauzioni da adottare, nonché specifiche informazioni sulle condizioni delle principali strutture sanitarie del Paese.

Grazie all’accordo quadro firmato, lo Spallanzani si impegna, in casi di eccezionale gravità ed urgenza che riguardano gli italiani all’estero, di mettere a disposizione il proprio personale estero su richiesta dell’Unità di Crisi.

Inoltre, la collaborazione tra la Farnesina e l’Istituto si estenderà anche in settori strategici quali l’assistenza a distanza nel caso di calamità naturali e al rientro di connazionali da zone endemiche.

“Lo Spallanzani mette a disposizione dell’Unità di crisi le proprie competenze – ha sottolineato il direttore scientifico dell’Istituto, Giuseppe Ippolito – al fine di garantire anche ai nostri connazionali una ulteriore possibilità di guida, orientamento e supporto (clinico, diagnostico, epidemiologico, preventivo e di ricerca) nei confronti delle malattie infettive. E’ questa una ottima occasione per sviluppare ulteriori sinergie allo scopo di integrare i temi di sicurezza sanitaria e l’attività di prevenzione ed assistenza ai connazionali all’estero fornita dal Ministero degli Affari Esteri. Consente inoltre di mettere in comune informazioni relative a specifiche situazioni sanitarie ed epidemiologiche all’estero”.

”Sinergia, collaborazione, condivisione di conoscenze e strumenti sono i capisaldi del nostro operare – ha commentato il commissario straordinario dello Spallazani Marta Branca – ed oggi, nel nostro Paese come tra la comunità internazionale, diventa sempre più imperativa l’integrazione di tutte le risorse presenti, attraverso un mutuo scambio tra le organizzazioni di esperienze e conoscenze specifiche. Insieme collaboreremo quindi ad aumentare la capacità di risposta ad eventi allarmanti e a sviluppare modelli di promozione di stili di comportamento sicuro per i viaggiatori”