Medical News

Giovani medici in protesta a Roma muovono rabbia ed esasperazione

Grande successo della protesta dei giovani medici che si sono dati appuntamento ieri a Roma. “L’avevamo detto e l’abbiamo fatto, commentano le associazioni dei camici bianchi: abbiamo portato in piazza Montecitorio il numero massimo di persone consentite dalla Questura. Insieme ai colleghi abbiamo manifestato per difendere il futuro del Servizio Sanitario Nazionale, contro l’inadeguato numero di contratti di formazione specialistica e per chiedere una vera riforma dell’iter formativo previsto dalla legge 368 del 1999”.

“A muoverci oggi sono la rabbia e l’esasperazione nei confronti di un sistema che ci imprigiona nell’imbuto formativo, condizione condivisa da ben 39 rappresentanti delle forze politiche di ogni colore, che sono scesi in piazza per ascoltare dalla nostra voce le ragioni della protesta, chiedendo un filo diretto per sostenerla”.

La mobilitazione non termina qui, come promesso nei giorni scorsi dalle Associazioni, e la tappa di Roma è stata solo l’inizio. “Le mobilitazioni si sposteranno da Montecitorio, dove abbiamo fatto richiesta dell’aumento delle borse statali, ad ogni consiglio regionale per chiedere l’aumento delle borse regionali. Nel frattempo partiranno tavoli di confronto con i rappresentanti dei partiti politici per ragionare sul miglior futuro da garantire ai medici”.

“Non arretreremo di un millimetro finchè le belle promesse cui siamo abituati non diventeranno fatti reali e concreti nel breve termine. Qualora non fosse così, siamo pronti ad inasprire la protesta.

Abbiamo diritto ad una formazione, ma che sia di qualità. Per il nostro futuro e per quello della sanità del nostro Paese”.

Rimani aggiornato sui nostri corsi ECM

Medical News

MEDICI IN PIAZZA A ROMA

Protesta dei medici in piazza a Roma. Il cartello di 11 sigle in rappresentanza degli studenti in medicina, degli specializzandi e dei giovani medici (AISAS Associazione Italiana Specializzandi/Specialisti Area Sanità – ALS Fattore 2a Associazione Liberi Specializzandi – Anaao Giovani – Federspecializzandi – GMAS Giovani Medici Anti-Sfruttamento – Giovani Medici per l’Italia – Primavera degli studenti – Siamo Futuro Italia – Vento di cambiamento Fenix – Udu Unione degli universitari – Dipartimento Medico) manifesterà mercoledi 25 maggio a Roma a Piazza Montecitorio alle 10.30. Questo per denunciare la scarsa attenzione del DL Rilancio alle istanze dei giovani camici bianchi.

“Puntiamo il dito contro l’assoluta assenza di provvedimenti che risolvano definitivamente le annose problematiche sull’accesso alle Scuole di Medicina e Chirurgia. Questo prevedendo un maggior numero di posti rispetto a quello attuale. Notizie che cancellino l’imbuto formativo che di fatto limita l’accesso ad una Scuola di Specializzazione. Il titolo obbligatorio per poter partecipare ad un concorso pubblico. È inaccettabile l’indifferenza di fronte alla qualità formativa dei medici specialisti, dimostrata con l’aumento di soli 4.200 contratti formativi.  Un numero a nostro avviso insufficiente perchè oltre a non configurarsi come concreta soluzione all’imbuto formativo. Anche alla carenza di Medici Specialisti lascia invariato il rapporto borse/candidati rispetto a quanto previsto per il 2019”.

MEDICI IN PIAZZA

“Pur comprendendo la gravità di un momento come quello attuale e condividendo ognuna delle misure intraprese dal Governo a favore di lavoratori, famiglie ed aziende, non condividiamo e non comprendiamo però la mancanza di tutele per il Sistema Sanitario Nazionale. In queste terribili settimane si è dimostrando fragile ma anche indispensabile affinché a ogni singolo cittadino sia garantito il diritto alla Salute. Il SSN non potrà mai reggere le sfide del futuro se non ci saranno investimenti sulla formazione di medici specialisti. A nulla vale abilitare 10mila giovani medici se a questi non viene poi garantita la possibilità di specializzarsi e diventare medici specialisti. In grado di occupare una posizione lavorativa concreta”.

“Allo stato attuale – scrive il cartello – ciò significa che almeno 10mila medici non verranno formati. Eresia, da questo Paese che è lo stesso ad avergli garantito, sei anni prima, un percorso formativo che a questo punto si definirebbe incompleto. Un’emergenza come questa, tra cinque anni, avrebbe una storia naturale completamente diversa, gli Ospedali non riuscirebbero a garantire neanche la metà dello sforzo e del lavoro di questi giorni, a causa della carenza di personale medico specialistico, difatti mancherebbero così tanti medici specialisti che l’inevitabile esito sarebbe catastrofico e ci ritroveremmo a fare i conti con una strage preannunciata. E a nulla servirebbero gli applausi o i minuti di silenzio per gli eroi medici, a nulla servirebbe ringraziarli pubblicamente, tra cinque anni non ci saranno medici da ringraziare”.

“La nostra Mobilitazione non si fermerà mercoledì 27 Maggio, anzi, proseguirà secondo future indicazioni presso le sedi delle Regioni in ogni parte d’Italia, per chiedere un successivo sforzo nell’aumento delle borse di competenza regionale”.

Rimani aggiornato sui nostri corsi ECM:

https://www.av-eventieformazione.it/

Medical News

Facendo seguito a quanto già comparso sugli organi di stampa sulla “Vertenza Fondi Contrattuali della dirigenza medica della AOU di Sassari”, si comunica che in settimana si è tenuta presso la Sala Riunioni dell’Ospedale SS. Annunziata una partecipata assemblea dei medici, occasione per discutere dell’imminente sciopero nazionale del 23 novembre, proclamato per le note problematiche quali il progressivo declassamento del Sistema Sanitario, l’impoverimento del Fondo Sanitario Nazionale e degli organici, l’annoso rinvio del rinnovo del Contratto Collettivo della dirigenza medica e sanitaria, le frequenti aggressioni a danno del personale da parte di un’utenza sempre più esausta delle inefficienze gestionali. È stata peraltro identificata la chiara necessità di trasmettere all’utenza stessa il grido di indignazione dei medici sassaresi che vedono aggiungersi alle criticità che colpiscono gli operatori sanitari di tutta Italia quelle “di casa nostra”. Dall’animata discussione è emerso ancora una volta l’iniquo trattamento subito dalla dirigenza medica della AOU di Sassari sull’applicazione del corretto calcolo per la definizione dei fondi contrattuali, da cui dipende parte consistente degli stipendi dei sanitari, e sono state stabilite le misure da porre in atto per ottenenerne il riconoscimento. I dirigenti medici della AOU di Sassari attendono da 10 anni l’integrazione di quanto dovuto nei suddetti fondi ed il confronto con l’Azienda, ultimamente più costruttivo seppur complicato, è stato gravemente compromesso un anno fa da una nota della Direzione Generale dell’Assessorato alla Sanità, la quale, per la sola AOU di Sassari, ha stabilito il ridimensionamento per difetto della quota parte dovuta, riaprendo di fatto una vertenza che, falliti i tentativi di concertazione con Azienda ed Assessorato, oggi costringe la dirigenza medica ad intraprendere azioni legali presso le sedi competenti. Quanto verificatosi è reso ancor più grave dal ruolo di Hub che la recente Riforma Sanitaria ha attribuito all’azienda sassarese, ponendola in primo piano dal punto di vista sanitario, senza fare altrettanto da quello delle garanzie contrattuali e dei diritti del personale medico che contribuisce in gran parte, non solo al “core business aziendale”, ma soprattutto alla salvaguardia del benessere e della salute dei cittadini.

I Rappresentanti Aziendali delle sigle:
-CoAS FASSID
-CGIL
-UIL FPL
-ANPO ASCOTI FIALS
-AAROI EMAC
-FESMED
-FVM
-ANAAO ASSOMED
-CISL Medici

Medical News

Consulcesi, network legale di riferimento per oltre 100mila medici, ha raccolto i dubbi più frequenti esposti dai camici bianchi e ha stilato un vademecum per fare chiarezza

Dubbi, paure, incertezze. Sono questi gli stati d’animo dei medici che devono affrontare l’entrata in vigore del nuovo Regolamento Ue sulla protezione dei dati personali, applicabile dal 25 maggio 2018. Un cambiamento tutt’altro che formale, visto che il nuovo impianto normativo andrà a sostituire in parte il Codice della Privacy, in vigore ormai dal lontano 2004. La norma comunitaria non ha declinato una specifica e separata disciplina per i dati in ambito sanitario, ma vi sono alcuni riferimenti e norme applicabili che devono essere presi in considerazione da tutti coloro che esercitano una professione sanitaria sia in campo pubblico che privato.
Consulcesi, network legale di riferimento per oltre 100mila medici, ha raccolto i dubbi più frequenti esposti dai camici bianchi e ha stilato un vademecum per fare chiarezza.
Nella Sezione 4 del Regolamento viene definita la figura del Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) o anche Data Protection Officer (DPO). Nelle Linee guida sui responsabili della protezione dei dati pubblicate dal Garante il 5/4/17 si raccomanda, in termini di buone prassi, che gli organismi privati incaricati di funzioni pubbliche o che esercitano pubblici poteri nominino un RPD. Pertanto, anche alcune categorie potenzialmente escluse come i medici di base convenzionati con il SSN, in virtù questa raccomandazione del Garante, dovrebbero dotarsi di un RPD. Identificare il soggetto che deve svolgere questo ruolo può non essere facile soprattutto per i privati che diversamente dagli enti pubblici non hanno una struttura che li supporti nell’individuazione. Inoltre, recentemente il Garante ha precisato che questa figura dovrà avere un’approfondita conoscenza della normativa e delle prassi in materia di privacy, nonché delle norme e delle procedure amministrative che caratterizzano lo specifico settore di riferimento
Nel Considerando 42 del Regolamento il legislatore europeo ha precisato che per i trattamenti basati sul consenso dell’interessato, il titolare del trattamento dovrebbe essere in grado di dimostrare che l’interessato ha acconsentito al trattamento. In conformità della direttiva 93/13/CEE del Consiglio è opportuno prevedere una dichiarazione di consenso predisposta dal titolare del trattamento in una forma comprensibile e facilmente accessibile, che usi un linguaggio semplice e chiaro e non contenga clausole abusive.
Registri delle attività di trattamento: come devono regolarsi i medici?
Il Regolamento (art. 30) stabilisce che coloro che effettuano trattamenti di dati considerati a rischio (come nel caso dei medici) tengano un registro delle attività e delle categorie di attività di trattamento svolte. È opportuno precisare che questo registro non deve avere una funzione formale bensì deve essere considerato come parte integrante della corretta gestione dei dati. Il registro deve avere forma scritta, anche elettronica, e nel caso di uno studio medico conterrà le attività svolte sui dati dei pazienti, l’individuazione di chi ha interagito con i dati, in che data e con quale finalità. Tutti i titolari del trattamento e i responsabili del trattamento devono cooperare con l’autorità di controllo e a mettere, su richiesta, detti registri a disposizione. Il Regolamento ha previsto che sia il titolare del trattamento dei dati stesso a tenere traccia delle attività svolte sui dati e ad elaborare un report. Tuttavia, le linee guida della Commissione Europea sostengono che sarebbe una prassi preferibile affidare questo compito al Responsabile della Protezione dei Dati, ove presente.

Medical News

Il Contratto nazionale dei dirigenti medici, veterinari e sanitari che cominceremo a trattare il 1 marzo deve partire facendo chiarezza sulla massa salariale sulla quale si applicano gli aumenti previsti dalle norme finanziarie, il famoso 3,48%, per tutti i comparti del pubblico impiego.
Sgombrando, così, il campo da un dubbio che nessuno ha ancora fugato, ovvero che l’Indennità di esclusività di rapporto col Ssn dei dirigenti sia a tutti gli effetti una voce della loro massa salariale.
Se le Regioni e il Governo ritenessero di comunicare all’Aran di escludere dalla massa salariale tale voce stipendiale, vorrebbe dire che è loro intenzione dare uno schiaffo ai 140.000 dirigenti cui principalmente è affidato il ruolo di tutelare la salute pubblica, perché solo per loro lo stipendio sarebbe incrementato del 2,9% mentre tutto il restante personale della pubblica amministrazione avrebbe un aumento del 3,48%.
La dignità professionale è strettamente legata alla dignità stipendiale complessiva ed alla assenza di ogni discriminazione. Dopo 9 anni: non ci provate!
Nessuna delle Organizzazione Sindacali è disposta a sottoscrivere un contratto in perdita fin dall’avvio, e la questione va al di là del tema strettamente economico per assumere una valenza politica storica sulla quale non saremo disposti a mediazioni.
Siamo pronti a un confronto costruttivo per un nuovo CCNL che apra una stagione di collaborazione e soddisfazione nei luoghi di lavoro, ma nel rispetto di principi basilari da parte del datore di lavoro. In caso contrario non rimarremo a guardare, a partire dal 1 marzo.

Il comunicato è firmato da:

ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN – FVM Federazione Veterinari e Medici – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI–UIL FPL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLE AREE CONTRATTUALI MEDICA, VETERINARIA SANITARIA

Medical News

Sempre meno pediatri e pronto soccorsi ogni anno più intasati. È questo il doppio allarme lanciato da uno studio della Fondazione Poliambulanza di Brescia e dall’associazione nazionale della medicina di Urgenza pediatrica. “Mancano i pediatri e soprattutto quelli specializzati in neonatologia”, racconta la dottoressa Elena Conti, presidente della Fondazione. Secondo la ricerca, in Italia ci sono circa 4,5 milioni di bambini e 13mila pediatri. In futuro saranno ancora meno: entro il 2020 i pediatri ospedalieri diminuiranno del 40%. Da qui l’idea di Dr. Care, la prima app in Italia che mette in contatto genitori e pediatri tramite una piattaforma di messaggistica per garantire un’assistenza continua e 24 ore su 24.
Lanciata a maggio 2017, la soluzione conta già diverse migliaia di iscritti e venticinque pediatri selezionati distribuiti tra Milano, Roma, Bologna, Napoli e Catania.
Il picco di richieste proprio durante lo sciopero dei medici il 12 dicembre scorso. Un 20% in più di mamme e papà hanno contattato la piattaforma in cerca di aiuto e il team si sta già preparando al prossimo sciopero dei medici annunciato per l’8-9 febbraio 2018.
“L’idea è nata quando i miei amici hanno cominciato ad avere bambini”, racconta Giorgio Fiorentino, 28 anni e uno dei fondatori di dr. care.
“Vedevo mamme e papà alle prese con una nuova vita e con tantissimi dubbi, ma anche la difficoltà di raggiungere il pediatra di riferimento in orario non lavorativo”, evidenzia Matteo Bianchini, 29 anni, un altro dei founder.
Qui l’altro grande problema del sistema sanitario pediatrico: meno pediatri sul territorio significa più genitori in pronto soccorso. E i dati lo confermano. Un rapporto pubblicato nel 2014 ha mostrato come il 57% circa degli accessi in pronto soccorso di bambini in età pediatrica è inappropriato. Lo studio, condotto nella regione Veneto, si riferisce a 134.358 visite al pronto soccorso tra il 2012 e il 2013. Il team di dr. care offre uno strumento a tutti quei genitori che, presi da un dubbio sulla salute dei propri figli, si recano in pronto soccorso quando spesso potrebbero risolvere i problemi con un semplice click.
Ad aiutare la startup nell’impresa ci sono pediatri noti in Italia come il dottor Alberto Ferrando, presidente dell’associazione pediatrica ligure; l’ex primario dell’ospedale di Sapri, in Campania, dottor Ippolito Pierucci; la dottoressa Francesca Ferrante pediatra e consulente per l’allattamento di Milano; la dottoressa Lisa Drigo, pediatra di famiglia con oltre vent’anni di esperienza e di stanza in provincia di Treviso. Advisor scientifico del team è il dottor Piercalo Salari.

Medical News

Assemblea degli iscritti dell’Ordine dei Medici della provincia di Ragusa, convocata dal direttivo guidato dal presidente Salvatore D’Amanti, dal vicepresidente Rosa Giaquinta e dal segretario Mario D’Asta. Un nuovo appuntamento, che si è svolto a Poggio del Sole, per continuare a confrontarsi sui temi caldi della sanità iblea e nazionale proseguendo contemporaneamente la mission che ci si è dati all’atto dell’insediamento, ovvero trasmettere l’orgoglio di appartenenza alla categoria impegnata in prima linea a garantire la salute della collettività.
“Stiamo attraversando un momento storico di grave crisi economica e sociale, che investe, inevitabilmente, anche il mondo sanitario. Ci troviamo immersi in una fase di cambiamento epocale, in cui viene seriamente minacciata la tenuta del Sistema Sanitario nazionale – ha detto il presidente D’Amanti nella sua relazione – Alle porte pressano proposte politiche che favoriscono la competizione alla pari, fra sanità pubblica e privata, con relativo sotto finanziamento del Ssn, con la conseguente contrazione dei Lea e con la messa in discussione dell’universalismo per tutti. Tutti elementi questi che, in ultima analisi, stanno sfociando in un generale stato di disagio sociale.
Stiamo assistendo, proprio in questi giorni all’approvazione di una “legge di bilancio” che esclude la sanità pubblica dalla ripresa economica.
Noi non possiamo rimanere spettatori passivi del penoso declino del Ssn, dovuto ai tagli dei finanziamenti che peggiorano i dati di salute della nostra popolazione. Ecco perché, come Ordini dei Medici di tutta Italia stiamo contrastando, a tutti i livelli, la visione distorta della spesa sanitaria, che viene percepita, purtroppo, esclusivamente come costo e non come investimento, minacciando di conseguenza, l’equità della salute”.
Il blocco del turnover del personale sanitario, nei servizi ospedalieri e territoriali, rischia di condurre la sanità italiana al collasso.
“A fronte di oltre 7000 medici dipendenti andati in pensione nell’ultimo decennio ne sono stati sostituiti un numero veramente esiguo, ampiamente insufficiente a coprire gli organici – spiega ancora il presidente D’Amanti – Non solo, ma questo comporta soprattutto il pericolo di perdere molti dei nostri giovani colleghi, che nonostante la competenza acquisita, l’impegno profuso, la dedizione, i sacrifici affrontati in prima persona e dalle rispettive famiglie, si vedono costretti ad emigrare verso altre realtà lavorative europee”.
Come sempre l’assemblea è un’occasione importante anche per celebrare gli iscritti e i neo iscritti all’ordine. Attestati sono andati ai neolaureati Luca Giudice, Luigi La Via, Marco Guardabasso, Carmelo Distefano, Giuseppe Belluardo.
Consegnati anche i riconoscimenti ai medici che hanno 40 anni di iscrizione all’ordine. Si tratta di Franco Amico, Vladimiro Giulio Lettica, Francesco Blangiardi, Vincenzo Antonacci, Francesco Palumbo, Antonio Rossetto, Vincenzo Poidomani, Carmelo Speranza, Carla Cottonaro, Salvatore Cremona, Salvatore Migliore, Marina Tumino, Teresa Biazzo, Giovanni Diquattro, Giuseppina D’Ottavio, Riccardo Gafà, Gaetano Giarratana, Federico Mavilla, Ignazio Pinelli, Giuseppa Basile, Grazia Distefano, Carmelo Cicero, Emanuele Lo Presti, Giuseppe Stella, Giuseppe Moscuzza.

Medical News

Oggi lo sciopero nazionale dei medici e si prevedono la sospensione di “40.000 interventi chirurgici, di centinaia di migliaia di visite specialistiche e prestazioni diagnostiche, il blocco di tutta l’attività veterinaria connessa al controllo degli alimenti”. Un effetto valanga su cui punta molto il maggiore dei sindacati dei medici dirigenti, l’Anaao Assomed, che sottolinea come “la sanità chiude un giorno per non chiudere per sempre”.
“Cresce il divario tra chi può curarsi pagando e chi no. Ormai si declina il diritto alla salute in base alla residenza e la distanza tra Bolzano e Napoli si può esprimere in 700 km o in 4 anni di aspettativa di vita. E’ la situazione – afferma il sindacato in una nota – che la legge di bilancio 2018 nemmeno prende in considerazione”. Oggi, rileva l’Anaao, “è chiamato allo sciopero chi vive da anni una condizione lavorativa caratterizzata da mancato rispetto delle pause e dei riposi, milioni di ore di lavoro non retribuite e non recuperabili, ferie non godute, turni notturni ad una età alla quale tutte le categorie, pubbliche e private, sono esonerate, reperibilità oltre il dettato contrattuale su più ospedali contemporaneamente, aumento dei carichi di lavoro festivi e notturni, progressioni di carriere rarefatte, livelli retributivi inchiodati al 2010 con perdite calcolate fino ai 50.000 euro per i giovani ed i livelli apicali. Una stangata senza eguali”. E “contemporaneamente, un’intera generazione di giovani è relegata dopo 11-12 anni di formazione in contratti di lavoro precari ed atipici. Nonostante ciò dopo 8 anni di blocco non si sente ancora il segnale di inizio per la discussione del Contratto di lavoro”. Oggi per l’Anaao, “è l’occasione per i Medici e Dirigenti sanitari per una civile protesta, per chiedere al Governo una inversione di rotta che riporti la sanità pubblica nella agenda della politica nazionale, per la salute dei cittadini, con la legge di bilancio e con il Contratto”. Intanto si registra una dichiarazione del ministro della salute Lorenzin che si dichiara “Assolutamente a fianco dei medici italiani” . In tale questione, ha aggiunto il ministro, “ci sono due problemi: uno è quello dello sblocco del turnover che credo abbiamo seriamente contribuito a risolvere. Con i piani ospedalieri presentati dalle Regioni – aggiunge – abbiamo dato il via a migliaia di assunzioni nuove. Ovviamente le Regioni ora devono fare i concorsi, devono farli in tempi brevi perché altrimenti questo lavoro rischia di appesantire e di rallentare. Poi c’è tutto il tema del rinnovo del contratto che non è un tema che gestisce il ministero della Salute ma io spero che riusciremo comunque a dare una mano per sostenere la buona causa dei medici ospedalieri in primis”.

Medical News

Palermo – Martedì 12 dicembre tutta Italia sarà unita a sostegno delle categorie professionali mediche. Tutte le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria hanno indetto uno sciopero nazionale di 24 ore a sostegno della vertenza/trattativa sul rinnovo del Contratto nazionale. In Sicilia è stato organizzato un SIT IN che si terrà dalle ore 10.00 in Piazza Ottavio Ziino, di fronte la sede dell’assessorato regionale alla Salute.
Molte e profonde le motivazioni che testimoniano il grave malessere della categoria. Il 12 dicembre – si legge in un comunicato – si lotta per sostenere il Diritto dei cittadini italiani ad essere curati e per il diritto dei medici ad assicurare le cure migliori; per una civile e forte difesa della Professione, come riconoscimento della sua autonomia, dei livelli retributivi e del ruolo di tutela per i cittadini; per la fine del PRECARIATO in tutti i settori della Sanità Pubblica, per la creazione di nuova occupazione e per l’aumento dei contratti di FORMAZIONE SPECIALISTICA per i giovani laureati; si manifesta anche contro il progressivo e costante DEFINANZIAMENTO del Servizio Sanitario Nazionale, figlio di una politica governativa miope e inconcludente.
“A livello regionale – spiega Pietro Pata, segr. reg.le Anaao Sicilia – alle motivazioni nazionali, si aggiungono problemi peculiari”.
Tanto che le organizzazioni sindacali della dirigenza medica hanno formalmente avanzato al neo assessore regionale Ruggero Razza, un incontro urgente per affrontare i tempi più caldi: Rielaborazione della Rete ospedaliera che necessita di urgente revisione; una completa, omogenea e razionale definizione delle procedure di reclutamento del personale e stabilizzazione di tutti i dirigenti precari; percorso condiviso per la definizione delle piante organiche negli ospedali e nel territorio; rapporto tra Università e servizio sanitario della Regione Sicilia. L’ANAAO-ASSOMED regione Sicilia chiede a tutti i medici dirigenti la massima adesione alla giornata di sciopero e alla manifestazione di Palermo perché il momento politico e sindacale è veramente difficile e in presenza di adesioni non sufficienti, il rischio è la sconfitta per tutta la PROFESSIONE.