Medical News

Nella sede di Palidoro dell’ospedale Bambino Gesù di Roma è ‘atterrata’ una ‘Astro-Tac’. Un macchinario di ultima generazione che consente di ridurre significativamente il ricorso all’anestesia negli esami pediatrici e che è stata progettata a forma di base spaziale.

La Tac inaugurata oggi è stata acquistata con i proventi della campagna ‘Ospedale Senza Dolore’. La Astro Tac di Palidoro si sviluppa su una superficie di 280 metri quadrati.

Tre gli ambienti principali, una sala Tac con vicino un locale tecnico e una sala comandi, un’ampia ‘recovery room’ e una sala d’attesa.

La Tac e i locali sono stati decorati e allestiti secondo un progetto grafico che recupera la magia e la suggestione dello spazio: il viaggio tra astri e costellazioni comincia già dalla sala d’attesa per arrivare alla sala Tac, decorata come l’interno di una navicella spaziale. “La grande velocità di acquisizione dati della nuova Tac multistrato – si legge nel comunicato del Bambino Gesù – consente di limitare il ricorso all’anestesia nei pazienti che non riescono a rimanere fermi per il tempo necessario ad eseguire questo tipo di esame

Corsi ECM
affezioni

Scarica la Brochure

Informazioni
Provider ECM AV Eventi e Formazione
Credti ECM  8.8
Data 6 Giugno 2015
Costo € 35
Location  Siracusa
Destinatari Medici Chirurghi specialisti in Medicina Fisica e Riabilitazione – Medicina della Sport -Fisioterapisti – Terapisti Occupazionali

L’evento formativo si rivolge a tutti gli operatori sanitari al fine di far conoscere meglio le metodiche diagnostiche attualmente più utilizzate nei quadri di affezioni dell’apparato muscolo-scheletrico. Le varie metodiche saranno considerate nei fondamenti tecnici e fisici che le contraddistinguono e le rendono opportune a seconda delle situazioni clinico-patologiche. Saranno inoltre messe a confronto nella definizione di alcune patologie dei distretti muscolo-scheletrici.
Vi sarà una sezione dedicata alle valutazioni pratiche con l’utilizzo della strumentazione ecografica e verrà effettuato il test di apprendimento con utilizzo di esami delle varie metodiche realmente effettuati, sui quali i partecipanti dovranno evidenziare la corretta diagnosi.

Medical News

Gli ospedali diventano sempre più smart. Sono sempre più numerose le attrezzature tecnologiche di cui i nosocomi si dotano per migliorare e modernizzare le prestazioni sanitarie.

Nell’ambito protesico, le nuove stampanti 3-D riescono a fornire ai pazienti protesi su misura con tempi e costi un tempo impensabili. La telemedicina sta rivoluzionando il rapporto medico-paziente (ce ne ha parlato il dott. Guarini in questo articolo), garantendo interventi di emergenza su pazienti con malattie croniche in tempo reale.

L’industria della tecnologia sanitaria  conta piu’ di mezzo milione di addetti di cui il 10% in Italia ed è in costante crescita, così com’è in crescita la spesa degli enti sanitari per modernizzare le proprie strutture. Se nel 1980 la tecnologia sanitaria pesava sul 10% dei costi complessivi di un ospedale,  oggi puo’ arrivare nelle strutture altamente specializzare a incidere dal 30 fino al 50% dei costi totali di una struttura.

Nascono anche nuove professioni, come quella dell’Ingegnere Clinico, uno specialista con la missione di garantire il funzionamento e la sicurezza di Tac, risonanze, laser, cosi’ come lettini speciali e centinaia di altri strumenti entrati nel quotidiano in corsia e nelle sale operatorie.

A spiegarlo e’ il presidente AIIC (l’associazione italiana degli ingeneri clinici) Lorenzo Leogrande che ha chiuso a Cagliari il convegno dedicato proprio al nuovo ruolo di questa figura poiché con ”le apparecchiature e i dispositivi medici la specializzazione, la competenza e la professionalità sono indispensabili per salvare vite umane”