fbpx

Medico di famiglia protagonista nella cura della patologia tiroidea, intervista al dott. Specchio

La tiroide nelle mani del medico di famiglia, questo il titolo del corso di formazione tenuto a Polignano a Mare con la responsabilità scientifica del dott. Agostino Specchio, medico di medicina generale e endocrinologo,  e l’organizzazione di AV Eventi e Formazione.

“La patologia tiroidea (tiroide) – afferma il dott. Specchio – è di comune riscontro nella pratica clinica ambulatoriale e spesso, dopo che il paziente ha avuto un primo contatto con lo specialista, specie per l’ipotiroidismo e le tireopatie autoimmuni, il paziente potrebbe essere tranquillamente seguito dal proprio medico curante, sia nel follow up di quelle tiroiditi autoimmuni in cui è ancora preservata una adeguata secrezione ormonale ed in cui il paziente è eutiroideo, sia in quelle condizioni in cui si è giunti ad una condizione di ipotiroidismo. Si tratta di addestrare il Medico di medicina generale, alla corretta gestione della terapia sostitutiva.

Un po’ diverso è il trattamento dell’ipertiroidismo per cui necessita una più attenta conoscenza della problematica ma in cui resta fondamentale il ruolo del MMG nel seguire il paziente nel lungo periodo che di solito è previsto per queste terapie, per verificarne l’eventuale comparsa di complicanze o di effetti collaterali della terapia in corso. Molto diffusa è, tra l’altro, l’utilizzo della metodica ecografica nell’ambulatorio del medico di famiglia, strumento che se utilizzato in modalità “office”, ossia quando il paziente viene in ambulatorio lamentando una problematica, riesce spessissimo a dirimere i dubbi diagnostici in tempo reale e a permettere di indirizzare correttamente il paziente nel seguire il più idoneo iter diagnostico. Questa metodica è il gold standard nella diagnostica tiroidea, essendo, la ripetibilità, lo scarso costo, l’assenza di controindicazioni, e la chiarezza dell’imaging, superiore a quello di ogni altro mezzo diagnostico strumentale. Il MMG che lo possiede nel proprio ambulatorio – prosegue il responsabile scientifico – potrà dare un valore aggiunto incommensurabile al suo pensiero diagnostico e, ad esempio, permettere in pochi minuti di fare corretta diagnosi di una tiroidite subacuta se la clinica ne impone il dubbio”.

Rivedi qui tutte le video interviste realizzate al corso di formazione scientifica dal titolo “La tiroide nelle mani del medico di famiglia”