fbpx

Manipolazione fasciale, intervista al dott. Alessandro Pedrelli

La Manipolazione Fasciale ha assunto ormai un ruolo di primaria importanza, a livello italiano e mondiale, nella valutazione e nel trattamento delle affezioni muscolo-scheletriche. A Medicalive Magazine, il fisioterapista Alessandro Pedrelli spiega l’importanza e le novità di un metodo che concentra l’attenzione non sull’articolazione ma sui motori che ne gestiscono il funzionamento.
La Manipolazione Fascialepuò essere impiegata per Rachialgie (cervicalgia, dorsalgia, lombalgia); Epicondiliti/Epitrocleiti Cefalee ed emicranie di origine mio-tensiva; Sindromi vertiginose di origine mio-tensiva e Contratture (densificazioni) mio-fasciali.
La “fascia” struttura connettivale universalmente rappresentata nel nostro corpo, per anni è stata trascurata, quasi “dimenticata” nei trattati di anatomo-fisiologia; da sempre considerata un semplice “rivestimento” di rinforzo dei muscoli, oggi è al centro di numerosi studi che quasi quotidianamente vengono pubblicati sulle più accreditate riviste medico-scientifiche di settore.
Il trattamento prevede una presa in carico globale del paziente, andando ad analizzare la catena disfunzionale che si è via via strutturata nel tempo e che ha condotto alla comparsa del sintomo “dolore”. Il metodo concorre al ripristino del fisiologico equilibrio tensionale proprio del sistema fasciale. La manovra manipolativa, sviluppando attrito e calore profondo, ripristina il corretto e vicendevole scorrimento fra i diversi piani fasciali, normalizzando così la funzionalità muscolare ed articolare e garantendo la scomparsa del sintomo doloroso. Scelta la corretta combinazione di Centri di Coordinazione da trattare, si utilizzano gomito, nocca o polpastrello per insinuarsi tra le diverse strutture fasciali fluidificando la sostanza fondamentale dei tessuti connettivi.
Laureato in Fisioterapia nel 2003 presso l’Università di Bologna “Alma Mater Studiorum”, Pedrelli, dal 2003 svolge attività di libero professionista in Cesena, presso il suo Studio Privato. Frequenta il primo corso di Manipolazione Fasciale nel 2003 e da allora la utilizza come unico strumento di lavoro, completando la sua formazione con i corsi di I, II e III Livello.
Diventa Docente Certificato di Manipolazione Fasciale nel 2007 e da allora ha tenuto diversi corsi in Italia (Emilia Romagna, Veneto, Umbria, Lombardia).
Nel 2007 (Boston, MA) e nel 2009 (Amsterdam) presenta due studi originali sulla Manipolazione Fasciale al International Fascia Research Congress (Congresso Internazionale di Ricerca sulle Fasce).