fbpx

Tumori della testa e del collo: il dott. Numico vincitore del Premio promosso dall’AIOM e sostenuto da Merck

Roma – Il Direttore della Struttura Complessa di Oncologia dell’Ospedale Ss. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria, Gianmauro Numico, si aggiudica la prima edizione del Premio AIOM con il progetto dal titolo “Istituzione di un database prospettico dei pazienti con tumori squamosi del distretto cervico-facciale sottoposti a trattamenti integrati”. Il progetto ha come finalità la creazione di un ampio data base clinico per l’analisi di informazioni relative alle modalità reali di effettuazione dei trattamenti integrati, agli outcome più significativi e alle eventuali tossicità. Il data base raccoglierà i dati clinici relativi ai pazienti con neoplasia localmente avanzata del distretto cervico facciale, sottoposti a trattamenti integrati, che prevedano l’associazione di radioterapia a chemio o immunoterapia. “L’estrema complessità dei trattamenti in questa patologia – ha affermato il Dottor Gianmauro Numico – comporta frequentemente alterazioni e modifiche del programma terapeutico previsto. Questo fa sì che gli esiti realmente ottenuti nella pratica clinica spesso differiscano rispetto all’atteso.
Risulta quindi essenziale raccogliere in un unico database le informazioni reali relative all’esecuzione dei trattamenti e al loro esito in modo da catturare le variabili organizzative e cliniche che caratterizzano i trattamenti integrati nella pratica quotidiana.”
La creazione del database avrà una durata di 3 mesi cui seguirà una sperimentazione monocentrica presso il Centro di Alessandria. Dopo questa fase, la partecipazione al progetto sarà estesa alle strutture dotate nella stessa sede delle tre expertise principali (Chirurgia ORL, Radioterapia, Oncologia) che eseguano trattamenti integrati. Il database è aperto al reclutamento da parte delle strutture appartenenti alla Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta ed in futuro potrebbe essere estesa ad altri Centri sul territorio nazionale.
“Con il supporto a questo Premio, intendiamo sostenere la ricerca scientifica e l’approccio multidisciplinare al  trattamento deitumori della testa e del collo – ha sottolineato Antonio Messina, Presidente
e Amministratore Delegato di Merck Serono S.p.A. -. Siamo grati al lavoro di specialisti come il Dottor Numico, in grado di raggiungere importanti traguardi scientifici nella lotta a queste neoplasie così complesse, che richiedono un significativo impegno comune nell’individuazione di terapie in grado di migliorare la qualità di vita dei pazienti.”
“Il principio ispiratore di tutti i nostri progetti ed iniziative – ha continuato Alessandra Aloe, Medical Affairs Director di Merck Serono S.p.A.
– è quello della centralità del paziente. Per noi risulta infatti fondamentale comprendere quali sono i bisogni insoddisfatti di chi affronta ogni giorno queste gravi patologie in modo da intraprendere azioni mirate a rendere meno gravoso il percorso terapeutico.”
In Italia i tumori della testa e del collo rappresentano il quinto tumore più diffuso tra gli uomini (come in Europa) e ogni anno si registrano circa 7.200 nuovi casi tra gli uomini e 2.100 tra le donne. I casi prevalenti tra gli uomini sono 85.000 (quarto tumore per prevalenza tra gli uomini dopo prostata, vescica e colon retto); 22.000 tra le donne.