Medical News

Un terzo dei pronto soccorso non può fornire assistenza pediatrica d’emergenza

Un’indagine rivela carenza di strutture e di attrezzature

Il 38 per cento dei pronto soccorso degli ospedali italiani non ha la possibilita’ di fornire assistenza pediatrica d’emergenza ai bambini perche’ sprovvisti di una guardia che svolge attivita’ diretta o indiretta per il pronto soccorso. Il dato emerge da un’indagine condotta in occasione del venticinquesimo anniversario dalla nascita della Societa’ italiana di Medicina, di Emergenza e Urgenza pediatrica (Simeup) in 188 ospedali italiani per verificare l’organizzazione dell’assistenza in emergenza-urgenza ai bambini.

“Il triage, che rappresenta una delle fasi piu’ delicate dell’assistenza dell’emergenza, e’ affidato molto spesso a personale del pronto soccorso generale (78 per cento dei casi) e non a quello pediatrico” sottolinea il presidente della Simeup Riccardo Lubrano. “Il bambino necessita invece di un approccio pediatrico costante e, solo quando questo non e’ possibile si dovrebbe far ricorso a personale non specializzato. Dall’indagine, continua Lubrano, emerge inoltre che solo 1/3 delle strutture esaminate puo’ fornire assistenza semi intensiva pediatrica”.