fbpx

Zika: infettivologo, la zanzara tigre potrebbe portare il virus

Pericolo solo teorico ma serve attenzione e bonifiche
“La nostra zanzara tigre potrebbe trasportare il virus Zika. In questo momento non c’è pericolo di trasmissione secondaria da parte degli eventuali casi importati dai paesi epidemici ma in teoria durante la primavera e l’estate questo pericolo potrebbe esistere”. Lo ha detto l’ infettivologo dell’Istituto Spallanzani di Roma, Emanuele Nicastri, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, in merito al virus Zika.

“Queste zanzare in Europa – ha aggiunto l’esperto – non esistono anche se esiste un loro simile: la zanzara tigre. E’ un vettore meno efficiente ma comunque può trasmettere l’infezione”. Per l’ infettivologo dell’Istituto Spallanzani di Roma serve “un’attenzione importante nell’ identificazione precoce dei casi e nell’utilizzo di misure di bonifica delle zone dove l’eventuale paziente ha soggiornato dopo il ritorno dai paesi epidemici”.

“L’Italia come tutti i paesi del bacino del Mediterraneo – ha concluso Nicastri – ha la possibilità di ospitare il virus Zika perché abbiamo un vettore e una popolazione suscettibile. Avremo qualche caso importato ma credo che i nostri sistemi di sorveglianza riusciranno a fare lo stesso lavoro di controllo dell’infezione così come per altre patologie simili al virus Zika che riconoscono nella zanzara tigre un possibile vettore”.