Medical News

Grande partecipazione alla manifestazione organizzata dalla ASL Foggia presso il Centro Commerciale Mongolfiera

Hanno danzato, condiviso esperienze ed emozioni. Insieme, hanno anche allattato.
Sono le neomamme di Capitanata che sabato scorso hanno partecipato numerose alla manifestazione organizzata dalla ASL Foggia presso il Centro Commerciale Mongolfiera, nell’ambito della settimana mondiale per l’allattamento materno.
Un evento patrocinato da Unicef Italia, dal Mami (Movimento allattamento Materno italiano) e fortemente voluto dalla Regione Puglia.
La giornata, animata dalla presenza di scolaresche e allietata dalla musica dal vivo del gruppo musicale “Swing Time Quintet”, ha previsto un primo momento di discussione e confronto in cui professionisti della ASL e volontari delle Associazioni locali hanno fornito utili indicazioni sulla pratica dell’allattamento al seno.
In un clima festoso è stata illustrata l’importanza, per il benessere dei bambini, dell’assunzione del latte materno, quale alimento completo e gratuito.
Sfatati falsi miti e vecchie credenze, si è dato largo spazio alla descrizione dei vantaggi dell’allattamento che fornisce non solo tutti i nutrienti di cui un neonato ha bisogno, ma protegge anche dalle malattie più comuni e favorisce lo sviluppo sensoriale e cognitivo dei bambini.
L’incontro, inoltre, ha offerto alle coppie di genitori una occasione propizia per conoscere in modo più approfondito i servizi e le prestazioni offerte dalla ASL Foggia.
Di grande coinvolgimento, infine, il flash mob che si è svolto simultaneamente presso numerose località pugliesi: le neomamme hanno allattato contemporaneamente per celebrare la naturalità di un gesto che aiuta ad incrementare il legame tra madre e figlio.
Soddisfatta della grande partecipazione all’evento, la Direzione Generale della ASL invita la comunità a mantenere un contatto diretto e continuo con le strutture aziendali, in particolare i consultori, deputati in modo specifico ad attività di assistenza alla famiglia e alla maternità.

Medical News

Studiati come modello per controllare gli sciami di robot

Anche i batteri fanno i loro ‘flash mob’: riuniti a milioni nel terreno di coltura, sono capaci di generare un movimento collettivo oscillatorio, anche se singolarmente sembrano muoversi in maniera del tutto casuale. Questo particolare comportamento, che potrebbe ispirare nuove strategie per il controllo degli sciami di robot e dei materiali attivi auto-assemblanti, è descritto su Nature da un gruppo internazionale di ricerca coordinato dall’Università cinese di Hong Kong.

Già osservati in passato nei sistemi multicellulari

Simili comportamenti collettivi sono già stati osservati in passato nei sistemi multicellulari: ricoprono infatti un ruolo cruciale in molti processi biologici, come lo sviluppo degli organi, la formazione degli embrioni e la regolazione delle reti di neuroni. Spesso questi ‘flash mob’ nascono da comunicazioni a lungo raggio mediate da segnali di tipo chimico o elettrochimico, oppure da interazioni biomeccaniche tra le cellule stesse e l’ambiente circostante.

La scoperta

I ricercatori guidati da Yilin Wu, invece, sono riusciti ad osservare una forma differente di oscillazione collettiva all’interno di sospensioni particolarmente dense di cellule batteriche: hanno infatti scoperto che milioni di questi microrganismi possono organizzarsi in maniera autonoma per muoversi in sincronia, disegnando per lo più delle forme ellittiche. Questo comportamento sembrerebbe essere controllato da interazioni locali tra cellule vicine che, sebbene sembrino muoversi in modo causale se prese singolarmente, in realtà su vasta scala generano un debole movimento sincrono. Secondo i ricercatori, questo fenomeno potrebbe verificarsi anche in altre grandi popolazioni di cellule e potrebbe essere sfruttato per mettere a punto nuove strategie di controllo dei dispositivi autonomi.